Comunicati Stampa

"Ora di Futuro". Educare i bambini di oggi significa garantire un futuro migliore agli adulti di domani

04/12/2020

Osservatorio Ora di Futuro 2020

La scuola? Noi la vogliamo così: in presenza, tecnologica e laboratoriale.
Lo dicono i 50.000 bambini della Generazione Alpha di 3.500 classi di III, IV e V elementare ascoltati durante il lockdown.

Ascolto, supporto e confronto per superare il senso di solitudine e isolamento.
Sono i bisogni delle 1.300 famiglie fragili con bambini 0-6 anni dei 16 Centri Ora di Futuro in tutta Italia.

Per una didattica digitale efficace è importante il rapporto scuola-famiglia.
Lo dicono gli insegnanti e le famiglie nell’analisi dell’impatto sociale di “Ora di Futuro” svolto per il primo anno da Tiresia/Politecnico di Milano.

Da bambini, insegnanti e famiglie emerge la centralità della relazione umana che va oltre lo schermo.

Durante il Covid ridisegnate le attività di Ora di Futuro/THSN per supportare gli insegnanti e le famiglie nella DAD e le Onlus nelle attività in digitale per essere vicini alle famiglie.

Al via il terzo anno di “Ora di Futuro” 2020/2021 con apertura di 7 nuovi Centri in tutta Italia con le Onlus L’Albero della Vita, Mission Bambini e CSB.

Le scuole possono aderire gratuitamente: oradifuturo.it e weschool.com.


Maria Elisabetta Alberti Casellati, Presidente del Senato della Repubblica, ha dichiarato: “Ora di Futuro” è un progetto di crescita, di vita, di speranza e di solidarietà che anche quest’anno ha saputo tradursi in preziose opportunità per i bambini e le loro famiglie. L’opportunità di sentirsi meno soli e, allo stesso tempo, di acquisire nuove consapevolezze. L’opportunità di prendere coscienza delle loro potenzialità e incredibili risorse. L’opportunità di guardare al domani senza paure ma con fiducia e spirito costruttivo. Questo sono i bambini: il nostro futuro, la nostra più grande ricchezza”.

Marco Sesana, Country Manager & CEO di Generali Italia e Global Business Lines, ha dichiarato: “L’obiettivo della nostra Fondazione The Human Safety Net è quello di liberare il potenziale delle persone: oggi è più che mai importante per affrontare e superare l’emergenza che stiamo vivendo e per costruire un futuro sostenibile. Con questo progetto di educazione partiamo proprio dai bambini, che rappresentano il nostro futuro. Lo facciamo allargando sempre di più la rete di impegno e competenze con istituzioni, Onlus, scuole, famiglie, agenti e dipendenti, per fornire ai bambini gli strumenti per affrontare il mondo e l’aspirazione ad avere un impatto su di esso. Questo significa agire insieme, con azioni concrete, per generare fiducia”.

Gli alunni della classe 4ª della scuola primaria "Pianca School" di Conegliano (TV) hanno dichiarato: “Quest’anno dovevamo fare tanti viaggi di istruzione. Purtroppo tutto è stato cancellato a parte uno: il progetto “Ora di Futuro” ci ha permesso di compiere un viaggio tutti insieme, in maniera virtuale, per raggiungere un’isola meravigliosa “Mauaga” e partecipare a un sacco di avventure. Per qualche settimana ci siamo sentiti di nuovo veramente vicini. Come immaginiamo il futuro? Immaginiamo di ritornare a scuola, di rivedere i nostri amici e maestre, di ritornare a giocare nei parchi, ritornare a fare giri in bici e giocare a pallone”.

Le testimonianze degli alunni, famiglie e volontari su www.oradifuturo.it.


Trieste – “La scuola? Noi la vogliamo così: in presenza, tecnologica e laboratoriale”. Lo dicono i 50.000 bambini della Generazione Alpha, nati dopo il 2010, delle 3.500 classi di III, IV e V elementare di tutta Italia che hanno aderito al Programma “Ora di Futuro” durante il periodo di lockdown.

Tecnologica per garantire le competenze digitali a tutti; laboratoriale, perché solo attraverso “il fare” secondo i bambini si impara davvero; e, infine, in presenza perché la scuola è prima di tutto luogo di apprendimento e di interazione sociale.

I bambini della generazione Alpha sono molto fiduciosi nel futuro e nella capacità della scienza e della tecnologia di dare le risposte di cui l’umanità ha bisogno. La generazione Alpha ha la prima lettera A, come ambiente: la loro priorità.

Per le 1.300 famiglie fragili con bambini 0-6 anni dei 16 Centri “Ora di Futuro”, ascolto, supporto e confronto sono necessari per superare il senso di solitudine e isolamento sperimentato durante il lockdown.

Dall’Osservatorio “Ora di Futuro” emerge così la centralità della relazione umana, che va oltre lo schermo.

I bambini sono consapevoli sia dei vantaggi del digitale, che ha permesso loro di stare vicini durante il lockdown, che dei suoi limiti perché la didattica a distanza non potrà mai sostuire il rapporto tra compagni di classe e docenti, tanto importante per lo sviluppo degli apprendimenti.
Gli insegnanti e le famiglie affermano che per una didattica digitale efficace è importante il rapporto scuola-famiglia. Lo confermano anche le famiglie dei Centri di Ora di Futuro che hanno apprezzato il volontariato digitale, ma manifestano il bisogno di riprendere, appena possibile, le attività in presenza con le Onlus.

Sono queste le principali evidenze della seconda edizione dell’Osservatorio “Ora di Futuro”, che ha analizzato 2.000 eleborati creativi dei bambini, le attività dei volontari dei Centri “Ora di Futuro”. La valutazione dell'impatto sociale generato dal progetto è stata affidata al gruppo di ricerca Tiresia (Politecnico di Milano). Essa si è svolta mediante diversi strumenti valutativi come focus group, questionari digitali e interviste mirate a insegnanti, pedagogisti, studenti, genitori. The Human Safety Net si è occupata invece di valutare l'impatto delle attività delle Onlus.

L’Osservatorio restituisce così un’analisi completa fondata su ascolto, impatto educativo e azioni concrete messe in campo con “Ora di Futuro”, il progetto di educazione rivolto a bambini insegnanti, famiglie e reti non profit in tutta Italia per insegnare a scuola a fare scelte responsabili e sostenere la genitorialità per famiglie fragili con bambini da 0 a 6 anni.


Ascoltare: la voce della Generazione Alpha

Ottimisti, consapevoli del loro impegno per migliorare il mondo del futuro. Ambiente e solidarietà sono le priorità.

Dall’analisi dei 2.000 elaborati condotta da un team di pedagogisti guidati dal prof. Roberto Benes, coordinatore nazionale di “Ora di Futuro”, i bambini della “Generazione Alpha" si sono riscoperti molto ottimisti (49%) ed hanno la percezione dell’importanza del loro impegno diretto, sin da piccoli, come chiave per migliorare il mondo futuro.

L’esperienza del lockdown ha avuto di certo un notevole impatto sui loro elaborati e sulla loro creatività: il 36% degli elaborati di quest’anno presenta una visione del futuro con una prospettiva a breve termine e ben il 36% presenta un desiderio di fuga, che nell’Osservatorio dello scorso anno non compariva in nessun elaborato.
Per la prima volta quest’anno compaiono medici con malati curati. Il 50,3% degli elaborati fa riferimento al Covid-19. I bambini comunque credono molto nella scienza e si aspettano da essa le soluzioni, come creare nuovi vaccini contro tutte le patologie.

La Generazione Alpha ha la prima lettera A, come ambiente: ha forte desiderio di prendersi attivamente cura dell’ecosistema, sia naturale che urbano e ha preoccupazione per l’inquinamento. I bambini si aspettano dalla scienza le soluzioni legate alle fonti di energia e alla maggiore capacità di reciclare e utilizzare in modo efficacie le risorse.

La generazione Alpha è inoltre attenta all’altro, alle relazioni, al prendersi cura dei più bisognosi attraverso la condivisione delle risorse. I bambini propongono azioni a carattere solidale: il risparmio e il riuso rientrano tra le nuove consapevolezze.

Il tema della salute e del benessere nell’insieme è stato rappresentato direttamente dal 35% degli elaborati che in qualche modo sono legati al Covid e al futuro post-Covid. I medici sono spesso i nuovi eroi dei bambini e rappresentano le professioni più ambite. Un altro tema molto presente sono proprio le “regole di comportamento”, che sembra siano state molto introiettate dai bambini come necessarie, sia per proteggersi dal Covid-19 che per difendere la propria salute.


Educare nelle scuole e nei Centri Ora di Futuro

Quest’anno l’Osservatorio THSN/Ora di Futuro contiene due importanti novità: l’impatto sociale del progetto e come bambini, famiglie, scuole e Onlus hanno affrontato l’emergenza Covid-19.

Nella scuola. Dall’analisi di Tiresia (Politecnico di Milano), emerge che una didattica digitale efficace ha contribuito a migliorare i rapporti scuola-famiglia. Oltre la metà dei docenti, infatti, ritiene che le attività svolte attraverso la piattaforma di “Ora di Futuro” abbiano influenzato positivamente il dialogo con le famiglie degli studenti.La piattaforma digitale Ora di Futuro ha permesso ai ragazzi con DSA di aumentare le loro capacità di apprendimento, di migliorare i propri risultati scolastici e di interagire meglio con i compagni di classe.

Il 90% degli studenti dichiara di aver aumentato le proprie competenze (tematiche e legate a gestione delle risorse e rischio). Dall’analisi emerge anche un miglioramento di tutte le life skills monitorate (gestione delle emozioni, pensiero critico, prendere decisioni e pensiero creativo) con un grande miglioramento del pensiero creativo. Inoltre, il 93% degli insegnanti dichiara che userà le metodologie didattiche digitali apprese con la piattaforma anche fuori dal progetto.

Per le famiglie fragili con bambini 0-6 anni. L’analisi dell’impatto condotta da THSN ha evidenziato che la prosecuzione delle attività con le Onlus nei Centri anche da remoto ha garantito alle famiglie più fragili la continuità educativa - attraverso il supporto psicologico durante l’emergenza sanitaria e nel post emergenza - ma anche il supporto socio-educativo a favore della genitorialità, per aumentare la percezione del ruolo di genitori dando loro la possibilità di apprendere buone pratiche per lo sviluppo .

Il forzato lockdown ha infatti evidenziato ancora di più la necessità per le realtà non profit di acquisire gli strumenti necessari a continuare le proprie attività di missione anche da remoto, in modalità digitale, in particolare per raggiungere meglio i genitori e i loro figli che vivono in situazioni di vulnerabilità.

Salvatore Angelico, Presidente Fondazione l’Albero della Vita ONLUS ha dichiarato: “Ora di Futuro ha permesso di portare l’attenzione sui bambini da 0 a 6 anni per interrompere il ciclo dello svantaggio sociale, intercettando e sostenendo quei bambini che, a causa della condizione di vulnerabilità, non ricevono risposte adeguate ai loro naturali bisogni di sviluppo”.

Giorgio Tamburlini, Presidente del CSB, ha dichiarato: “Nei due Villaggi per Crescere - Centri Ora di Futuro di Trieste abbiamo offerto a tutte le famiglie opportunità di sviluppo di competenze genitoriali e di superamento di fragilità, quali situazioni di solitudine e isolamento sociale, e siamo riusciti a garantire maggiori possibilità per le bambine e i bambini di sviluppare appieno il proprio potenziale".

Goffredo Modena, Presidente, Fondazione Mission Bambini, ha dichiarato: “Siamo convinti che il benessere dei bambini passi attraverso il benessere dell’intera famiglia. Per questo siamo vicini ai genitori e ai loro bambini, costretti a trascorrere l’intera giornata a casa, proponendo loro strumenti digitali come “Patapum genitori catapultati a casa”, una piattaforma che offre loro varie attività che hanno lo scopo di garantire il benessere fisico e psicologico dei bambini e dei genitori. Davvero, insieme possiamo dare un presente e quindi anche un futuro sereno ai bambini di oggi, gli adulti di domani”.


Fare: Le nostre azioni concrete

Il progetto Ora di Futuro/THSN, grazie a una vasta rete di collaborazione – le Onlus L’Albero della Vita, Mission Bambini e CSB, WeSchool, Tiresia/Politecnico di Milano, ScuolAttiva Onlus - ha coinvolto in due anni 80.000 mila bambini e quest’anno durante l’emergenza Covid-19 ha ridisegnato le attività per supportare la scuola, gli insegnanti e le famiglie con l’obiettivo prioritario di garantire la continuità della didattica anche distanza e il supporto alle famiglie fragili. In particolare:

Per i bambini è stato organizzato il percorso didattico in moduli più flessibili per una migliore fruizione a casa e arricchito il percorso didattico con un nuovo modulo digitale «Tempesta» per insegnare ai bambini ad affrontare situazioni di emergenza.

Per gli insegnanti è stato offerta una formazione dedicata per l’utilizzo delle piattaforme digitali più diffuse, grazie alla partnership con WeSchool, l’unica italiana tra le 3 piattaforme di didattica digitale suggerite dal Ministero dell'Istruzione.

Per le famiglie sono stati offerti nei 16 Centri “Ora di Futuro” servizi utili a fronteggiare l’emergenza, anche a distanza, come la continuità educativa e il supporto psicologico. Sono stati inoltre donati 1.000 tablet ai bambini delle scuole e delle famiglie in difficoltà nei Centri per supportare la didattica a distanza e evitare che l’accesso all’educazione non accentui la disparità sociale.

Per le Onlus sono state sostenute le attività in digitale per essere vicini alle famiglie attraverso lo sviluppo di piattaforme online e di forme di volontariato digitale.

Il progetto Ora di Futuro avvia alla terza edizione per l’ anno di “Ora di Futuro” e le scuole possono aderire gratuitamente: www.oradifuturo.it e www.weschool.com.

Per le famiglie fragili con bambini da 0 a 6 anni si rafforzza la collaborazione con le onlus l’Albero della Vita, Mission Bambini e CSB per l’apertura di 7 nuovi Centri in tutta Italia.

I Centri “Ora di Futuro” in tutta Italia: Milano, Napoli, Palermo, Genova, Perugia, Brindisi (L’Albero della Vita Onlus), Milano, Bologna, Napoli, Torino, Roma, Mogliano Veneto, Bari, Firenze (Mission Bambini Onlus), 2 centri a Trieste (Centro per la Salute del Bambino).


ULTIMI COMUNICATI

Generali Italia in prima linea per diffondere la cultura delle discipline STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics)
21/04/2021

La Compagnia sostiene STEMintheCity durante il mese dedicato alle discipline tecnico-scientifiche, con un ricco palinsesto di attività.


L’iniziativa rientra nei progetti di D&I, parte dell’azione di sostenibilità di Generali Italia per fare bene impresa con un impatto positivo sull’economia reale.

Generali Italia e Genertel riconosciute per la qualità dell’RC Auto e il rapporto Qualità-Prezzo 2021 in Italia
09/04/2021

Generali Italia e Genertel riconosciute per la qualità dell’RC Auto e il rapporto Qualità-Prezzo 2021 in Italia nell’indagine dell’Istituto Tedesco Qualità e Finanza


Generali Italia riconosciuta come “Ottima” per l’innovazione

  • L’indagine attribuisce alla Compagnia anche 6 Sigilli “Top” per la soddisfazione clienti
  • Genertel riconosciuta come “Ottima” per la soddisfazione clienti

  • L’indagine attribuisce alla Compagnia anche 3 Sigilli “Ottimo” per la comunicazione con i clienti, l’innovazione online e l’offerta telematica; e 1 Sigillo “Top” per la protezione completa
  • Entrambe le Compagnie hanno ottenuto il giudizio “Top” nello studio sul rapporto Qualità-Prezzo 2021

    Generali Italia e Telepass: al via il servizio che consente il rimborso automatico per i ritardi nella rete autostradale italiana
    02/04/2021

    Al via partnership strategica sulla mobilità: soluzioni innovative, tecnologiche, data-driven e personalizzabili a servizio di 8 milioni di clienti

    Generali dà il via alla prima soluzione del 2021: Attiva Commercio per 1,7 milioni di micro-imprese con 4 milioni di lavoratori per ripartire e cogliere nuove opportunità
    04/03/2021

    Attiva Commercio rende accessibile alla micro-impresa l’eccellenza dell’offerta e della consulenza per proteggere attività, persone, patrimonio e dati


    Con la solidità di 190 anni, 1 impresa su 4 assicurata e 4.000 imprese accompagnate all’estero, Generali è l’unico partner italiano per la crescita dell’impresa in Italia e nel mondo


    In tre anni con Attiva Commercio, Generali punta ad essere il partner di riferimento anche nel segmento delle microimprese

    Generali Italia accelera su Salute e Welfare per rispondere più velocemente ai bisogni dei clienti
    12/02/2021

    Varato un nuovo assetto organizzativo commerciale, tecnico e liquidativo.

     

    Paolo De Santis è il nuovo Chief Health & Welfare Officer per la Country Italia.

     

    Cesare Lai nominato Amministratore Delegato di Generali Welion.