Magazine

Cosa sapere sull’antifurto nebbiogeno

Aprire un’attività commerciale e trasformare la propria idea imprenditoriale in realtà produttiva è il sogno di molte persone. Realizzare un progetto simile e portarlo avanti nel corso degli anni richiede però tanta esperienza e responsabilità: un negozio infatti è come se fosse una seconda casa, e come tale va curato nel migliore dei modi e soprattutto protetto. Salvaguardare la tua attività commerciale è senza dubbio una delle tue priorità, e ti sarai certamente chiesto quale possa essere il modo migliore per farlo anche quando resta chiusa.


Un efficace sistema di sicurezza è certamente rappresentato dall’antifurto nebbiogeno, un dispositivo antieffrazione che, utilizzando le tecnologie più moderne, riduce notevolmente il rischio di intrusioni. In questo articolo, andremo a scoprire tutto quello che c’è da sapere su questa innovativa soluzione antifurto.


Indice

  • Che cos’è l’antifurto nebbiogeno
  • Come funziona l’antifurto nebbiogeno
  • Come si forma la nebbia nel sistema di antifurto nebbiogeno?
  • Vantaggi dell’antifurto nebbiogeno
  • L’antifurto nebbiogeno sporca?
  • Per chi è indicato un antifurto nebbiogeno
  • Prezzi dell’antifurto nebbiogeno

  • Che cos’è l’antifurto nebbiogeno


    L’antifurto nebbiogeno è un dispositivo d’allarme pensato e realizzato per impedire, in modo semplice e veloce, furti ed effrazioni. Una volta accertata l’intrusione da parte di un ladro all’interno di un esercizio commerciale, questo particolare sistema emette, in modo immediato, una nebbia così fitta e intensa da azzerare completamente la visuale. In questo modo riduce al minimo la probabilità di furto.

     

    Se un tempo eravamo convinti della sicurezza degli allarmi sonori, oggi siamo consapevoli del fatto che questi non funzionano più da deterrente per i ladri: pur di completare il loro “lavoro”, sono spinti ad agire con maggior tempestività, senza badare troppo a eventuali danni arrecati al locale. Il sistema di antifurto nebbiogeno rappresenta, quindi, uno dei modi più efficaci.



    Come funziona l’antifurto nebbiogeno


    Come una sirena, l’antifurto nebbiogeno si attiva attraverso un input inviato direttamente dalla centrale d’allarme, non appena viene rilevato un tentativo di effrazione all’interno del locale. Esistono anche dei nebbiogeni all in one che non necessitano di un collegamento con la centrale antifurto, in quanto già inclusa all’interno del dispositivo. Questo sistema si attiva attraverso degli input che vengono inviati dai sensori direttamente alla centrale interna.

     


    Come si forma le nebbia nel sistema di antifurto nebbiogeno?


    La nebbia, ovviamente, non è presente in forma gassosa nell’antifurto, ma in forma liquida. Come si attiva? Il sistema nebbiogeno è formato da una caldaia, da una scheda elettronica, da una pompa e da una sacca contenente il fluido nebbiogeno, composto da una miscela di acqua e glicole. Una volta collegato alla rete elettrica, il sistema porta la caldaia a raggiungere una temperatura superiore ai 350°.

     

    Ricevuto l’input dalla centrale antifurto, il fluido nebbiogeno passa dalla sacca alla caldaia subendo un notevole sbalzo termico e trasformandosi in vapore. L’emissione nebbiogena avviene istantaneamente: in pochissimi secondi infatti si riesce a saturare l’intero locale. La nebbia generata dal dispositivo è inoltre molto fitta ed è in grado di perdurare all’interno dell’attività commerciale per diversi minuti, dando così il tempo alle forze dell’ordine di intervenire.

     


    Pro e contro dell’antifurto nebbiogeno


    Vantaggi:

  • velocità: la nebbia viene rilasciata non appena scatta il segnale di allarme. Nel giro di pochi secondi, il negozio è così saturo di nebbia da non consentire altre opzioni che uscire;
  • facilità di installazione: gli antifurto nebbiogeni sono di piccole dimensioni e possono essere installati al muro, senza essere invasivi;
  • efficacia: questa tipologia di allarme produce una condizione di visibilità pari a zero;
  • sicurezza: gli antifurto nebbiogeni sono atossici per persone o animali e non lasciano residui su pareti o mobili. Anche il glicole propilenico è considerato sicuro, anche se dovesse venire a contatto con il cibo.
  • Svantaggi:

  • Ovviamente nessuno. L’unico aspetto di cui sarebbe bene tenere conto riguarda le dimensioni del locale da proteggere. Esistono infatti diversi modelli di antifurto nebbiogeni che variano in base alla quantità di nebbia emessa in una singola vaporizzazione.
  •  


    L’antifurto nebbiogeno sporca?


    Come già detto in precedenza, l’antifurto nebbiogeno non sporca e non rilascia residui su pareti o mobili: essendo composto principalmente da acqua, questa cade senza lasciare traccia.

     


    Per chi è indicato un antifurto nebbiogeno


    Oltre che per la sicurezza domestica, l’antifurto nebbiogeno è indicato per le attività commerciali di piccole o grandi dimensioni. I dispositivi che rilasciano la nebbia sono, infatti, modulari, e possono quindi essere installati nella quantità necessaria a coprire tutte le zone del negozio che si desiderano proteggere. Inoltre, le dimensioni degli antifurto nebbiogeni variano sia in base alla quantità di nebbia emessa che alla potenza di emissione. Quindi, piuttosto che acquistare due nebbiogeni piccoli, sarà sufficiente sceglierne uno un po’ più grande.

     


    Prezzi dell’antifurto nebbiogeno


    I prezzi degli antifurto nebbiogeni variano a seconda delle superfici da coprire, quindi della quantità di dispositivi necessari. I costi delle ricariche solitamente si aggirano intorno ai 50 euro.



    In conclusione, un antifurto nebbiogeno è la soluzione migliore per proteggere il tuo esercizio commerciale e i tuoi beni in pochi secondi, risultando efficace rispetto ad altri allarmi sul mercato.

    Se possiedi un’attività commerciale e hai bisogno di un antifurto nebbiogeno, affidati ad ATTIVA Commercio, la nostra innovativa assicurazione per imprese. Generali è Partner di Vita, e si prende cura della tua attività in diversi settori e contesti.